Skip to main content

Cosa vuol dire SKU e cosa rappresenta per l’intera catena di montaggio alla base dell’eCommerce

Ok ci siamo, abbiamo deciso di aprire uno store ed iniziamo creando la scheda prodotto, dopo aver impostato i dettagli arriviamo ad un campo preciso, il codice prodotto…ma cosa vuol dire SKU? Per essere precisi è lo Stock Keeping Unit, ovvero il codice alfanumerico univoco necessario per identificare il singolo prodotto e permettere alla logistica per eCommerce di gestire le spedizioni ma anche ad un eCommerce senza magazzino di monitorare le quantità.

Possiamo considerare lo SKU come una vera e propria carta d’identità del prodotto. Soltanto assegnando un codice che sia unico per la singola referenza saremo in grado di monitorare il ciclo di vita del prodotto, da quando è consegnato dal fornitore a quando lo spediamo al cliente finale, con il supporto di una logistica per eCommerce o meno.

Infatti, uno degli errori maggiormente diffusi da coloro che gestiscono le spedizioni senza partner logistico è pensare che il codice prodotto serva solo quando viene mandato stock in un magazzino.

Ovviamente non è così, scopriamo il perché.

Lo SKU per chi gestisce la logistica internamente

No, il nome prodotto non basta. E questo perché non identifica in maniera specifica il prodotto, ma al massimo la categoria di riferimento.

Facciamo un esempio. Prendiamo in considerazione uno store di abbigliamento che vende moltissime referenze, sia per taglia che per colore.

Simuliamo l’ordine di un cliente X che vuole ricevere un pantalone marrone taglia L, mettiamo caso che il nome prodotto sia CARGO PANT SAND. In un inventario che conta migliaia di referenze, trovare quella giusta utilizzando solo il nome, per sua natura generico, equivale al cercare il famigerato ago nel pagliaio.

Se invece cercassimo il prodotto dallo SKU, ad esempio CARGO23459SAND-L sapremo con certezza che il prodotto da inviare sia quello giusto. In questo senso, il nome prodotto diventa un sorta di accessorio che ci aiuta a visionare il prodotto. Non è quindi la carta d’identità, magari la patente del prodotto. Qualcosa che lo identifica ma in modo limitato, quasi generico. (ora sappiamo cosa vuol dire SKU anche con prodotti in casa, magari monoreferenza).

Cosa vuol dire SKU per chi delega ad una logistica per eCommerce

Se il codice prodotto è cruciale per chi gestisce le spedizioni in casa, immaginate quanto lo sia per un eCommerce senza magazzino che delega lo stock alla logistica.

Senza il codice univoco monitorare le quantità diventa un’odissea. Ma non solo per il monitoraggio ed il restock ma anche per l’evasione stessa degli ordini.

In una collaborazione dove tutto è digitale ed automatizzato, identificare cosa spedire per singola spedizione non serve solo per conteggiare ma soprattutto per non sbagliare. Ed il nome prodotto non è abbastanza.

Questo perché una logistica per eCommerce potrebbe avere diversi clienti del settore dell’abbigliamento. Di conseguenza trovare il prodotto soltanto con il nome, e quindi CARGO PANT SAND diventa impossibile, rallenta processi e rende tutto medievale.

Quindi cosa vuol dire SKU se non un fondamentale per la corretta organizzazione del magazzino, interno oppure esterno.

cosa vuol dire sku cos'è lo SKU logistica per ecommerce spedizioni ecommerce codice prodotto ecommerce senza magazzino

Ma come creare il codice prodotto?

Molti potrebbero spaventarsi davanti ad un codice numerico lungo come l’EAN che troviamo su ogni prodotto della GDO.

Lo SKU non deve essere necessariamente lungo, prettamente numerico e complicato da gestire. Ripensiamo al titolo di questo articolo “cosa vuol dire SKU” e alla risposta “la carta d’identità del prodotto”. Questa carta d’identità non deve per forza essere difficile ma semplicemente univoca.

Possiamo utilizzare il codice del fornitore oppure creare uno SKU ad hoc. Infatti, il codice prodotto non è universale ma valido solo per la nostra attività, questo ci da molto margine creativo.

Può essere prettamente numerico oppure alfanumerico, lungo o corto (max 12 caratteri). L’unica cosa da rispettare è l’unicità rispetto all’intero inventario.

Ce lo insegna anche Shopify, illustrandoci le mille opportunità che rappresenta lo SKU, sia per noi che per clienti e partner, logistici e non.

Tutti parlano la stessa lingua fatta di codici univoci, analisi delle vendite e budget.

Trovare un elemento in comune per allineare esigenze e tenere traccia di quantità, sia di stock che di spedizioni ecommerce (e quindi di risultati) ci permette di crescere, non solo di volumi ma anche di numero di referenze ed offerta al cliente finale.

Che sia un magazzino eCommerce interno oppure in outsourcing, monitorare, analizzare e creare strategie conseguenti funziona solo con partner e strumenti giusti.

Abbiamo capito cosa vuol dire SKU, basta trovare un partner con cui parlare la stessa lingua e crescere insieme.

Leave a Reply